BASKET SARDO STORY – PRIMA PUNTATA

1924-1944

gli Antenati

Palla a due allo Stallaggio Meloni

Nello stadio del Cagliari si disputa il primo match dimostrativo in Sardegna – Una squadra di calciatori rossoblù batte 8-1 quella formata da canottieri della Ichnusa – I fratelli Ettore e Mario Piu sono i promotori di questa iniziativa

Lo Stallaggio Meloni, nell’attuale zona di viale Trieste, era di fatto una sorta di cittadella sportiva della Cagliari dell’inizio del Novecento. È lì che si giocava a calcio, prima lo si faceva nella Piazza d’Armi, ed è lì tra le scuderie dei cavalli che si disputa anche il primo match di basketball (palla al cesto, all’epoca si chiamava così) in Sardegna: era il 16 novembre del 1924. Soltanto quattro anni prima quel campo era stato invece lo scenario della prima partita del Cagliari Calcio che – appena fondato – aveva battuto, in amichevole, la Sef Torres di Sassari con il punteggio di 5-2.

Era stata, quella del “Meloni” una sfida inevitabilmente un po’ particolare: perché nell’isola non ci sono ancora squadre di pallacanestro, anche se proprio in quell’anno viene assegnato il quinto scudetto nazionale e il gioco della pallacanestro, creato nel 1891 da James Naismith a Springfield, in una Università dello stato americano del Massachusetts, è già maggiorenne avendo compiuto trentatré anni. Si affrontano pertanto, in una gara semplicemente dimostrativa, una formazione di calciatori del Cagliari e una di canottieri dell’Ichnusa (fondata nel 1891). Vincono i calciatori per otto canestri a uno. Probabilmente l’agilità dei piccoli giocatori di pallone aveva avuto il sopravvento sullo staticità dei giganti del remo. Il canestro valeva ancora un solo punto. Arbitro un tale signor Quesada, che di mestiere faceva il carabiniere: era un tenente, ed era quindi perfettamente in grado, dall’alto della sua accertata autorevolezza, di gestire gli umori e i malumori di una partita davvero senza precedenti.

Ma i veri vincitori di quella partita erano stati due fratelli, a tutti gli effetti i padri fondatori di questa disciplina nell’isola perché erano stati loro a piantare quel seme: si chiamavano Ettore e Mario Piu, sono stati loro ad aver organizzato quell’avvenimento. In particolare, Ettore aveva appreso in Francia, dov’era emigrato, i primi rudimenti di questo sport, appassionandosene. Soprattutto era tornato in Sardegna con un oggetto fino ad allora misterioso, un pallone da basket, che allora si chiamava chissà perché al femminile, forse per distinguerlo da quello del calcio: la pallonessa.

Dovranno però passare circa due anni per assistere a una seconda partita, di cui si ha avuto notizia a Cagliari: è una sfida tra militari, due formazioni del 45° Fanteria, partita dimostrativa che viene disputata durante un concorso regionale di ginnastica artistica. Un altro passaggio epocale è, prima dello scoppio della Seconda guerra mondiale, il primo torneo interregionale al quale partecipa una formazione isolana: il Guf (gli universitari fascisti) di Cagliari debutta nel 1938 nella Divisione Nazionale B. La data è storica, il 9 gennaio, ed è un derby tra le due isole maggiori: al campo Deffenu situato nel viale Diaz gli universitari cagliaritani vengono sconfitti dai colleghi palermitani per 48-28.

Nel novembre del 1939, con l’Europa già minacciosamente in armi, si celebra infine un piccolo antipasto di quello che poi diventerà il “must” della pallacanestro sarda dei decenni a venire: il derby tra Cagliari e Sassari, per certi versi ancor più sentito di quello tra le varie realtà cagliaritane. Si tratta di una sfida tra i Gil delle due città, le squadre degli studenti liceali, ancora sotto l’egida del Fascismo. Vince Cagliari: Sassari si arrende per 21-8. Saprà prendersi le sue belle rivincite.

i Match nella Storia

Cagliari, 16 novembre 1924: la primissima volta in Sardegna

Cagliari Calcio-Canottieri Ichnusa 8-1

Nello Stallaggio Meloni si celebra una sfida dimostrativa tra una squadra di calciatori del Cagliari e una di canottieri della Ichnusa, organizzata dai fratelli Ettore e Mario Piu,di fatto i padri fondatori della pallacanestro nell’isola. L’arbitro è un carabiniere, Quesada. I rossoblù si impongono per 8-1.

Cagliari, maggio 1938: il primo derby tra Cagliari e Sassari

Gil Cagliari-Gil Sassari 73-20

Un derby poco più che scolastico, tra due quintetti di studenti liceali: allo scoppio della guerra lo vince, a Cagliari, il Gil del Capo di Sotto, quando la Carlo Felice ancora non c’era e la trasferta da Sassari a Cagliari era un’odissea.

Cagliari, ottobre 1938: il debutto in campo nazionale

Guf Cagliari-Guf Palermo 28-48

Il basket è già consolidato. Non ci sono squadre di club ma formazioni di liceali (Gil) e universitari (Guf) fascisti. I giovani universitari partecipano al primo torneo nazionale: il debutto a Cagliari è però infelice.

Cagliari, dicembre 1939: la prima volta in vetta

Guf Cagliari-Siena 22-14

Si gioca allo stadio Amsicora: il Guf di Cagliari ospita e travolge il Siena conquistando la vetta del campionato di Serie B nazionale.

Cagliari, dicembre 1939: anche la Barbagia ha le sue cestiste

Gil Cagliari-Gil Nuoro 37-5

Cagliari contro Nuoro, ancora all’Amsicora, a livello di studentesse liceali: non c’è partita tra i due quintetti ma è un altro segnale di quanto fossero già robuste, prima della Seconda guerra mondiale, le radici nella nostra isola. Sempre presenti anche le squadre liceali e universitarie di Sassari.

Cagliari, ottobre 1941: i liceali meglio degli universitari

Gil Cagliari-Guf Cagliari 20-16

Liceali contro universitari, e a vincere, nel Bruno Mussolini, fratello del Duce, sono i più giovani. A fare scalpore è il fatto che gli universitari avessero presentato un reclamo: la partita si era chiusa quando le tenebre erano ormai calate da un pezzo e si era giocato sotto un diluvio torrenziale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.