QUANDO CAGLIARI ERA IN A (DILETTANTI)

Gianni Montemurro, il tecnico che ha portato la Russo in A Dilettanti

Dieci anni fa, Cagliari era in A. Ma Dilettanti: l’ex B1 ribattezzata così per attrarre sponsor (ma è come chiamare Ferrari una Fiat, resta una Fiat). La Russo della famiglia Villa Santa ci era arrivata grazie al coach Gianni Montemurro e a una squadra molto identitaria: promozione a tavolino, ma meritatissima, dopo lo spareggio perso 73-72 a Palestrina. Il salto di categoria era stato però un calvario: cacciato Montemurro dopo una manciata di partite, e richiamato quel Marco Morganti che aveva riportato Cagliari in B1 nel 1999 (battendo in finale la Santa Croce Olbia), la Russo sponsorizzata anch’essa dal Banco di Sardegna, aveva vinto due sole partite (una a Cagliari con Cremona e una a Lumezzane). Chiudendo, tristemente, all’ultimo posto. C’era un bel gruppo sardo (Pedrazzini, Pintor, Villani, Villa Santa, Graviano, Passa, Chessa e Nanni) ma “stranieri” fragili, almeno per quella categoria: Stella, Cagnin, Toppino e quel Fevola acquistato ma perennemente in panchina. Un mistero.