MEO, QUEL GIORNO A TRENTO

David Logan a Trento contro Toto Forray

Era il 20 maggio del 2015, ed era quella – ma non potevamo saperlo – la vera finale scudetto. Ricapitolando: Sassari si appresta a giocare garadue dei quarti di dei playoff accoppiandosi con Trento che gliele aveva sempre suonate, anche in garauno due giorni prima. Alla vigilia Meo Sacchetti prende una decisione folle e la comunica a noi giornalisti presenti al PalaTrento, il sottoscrtitto, Roberto Sanna e Andrea Sini, facendoci giurare sulle nostre mogli di non scrivere nulla: “Lascio in panchina Sanders e Brooks e parto con Devecchi e Kadaji in quintetto”. Mossa azzeccatissima: la Dinamo vince, e da allora non si fermerà più. A scudetto vinto proprio Sacchetti – anche nella sua autobiografia – l’ha ribadito: “Lo scudetto l’abbiamo vinto quella notte a Trento”.