IL ROMANZO DI SPINETTI

Sandro Spinetti (Roma, 1940) è in Sardegna dal 1969

Sandro Spinetti ha fatto trapelare la notizia che sta per uscire un suo libro: di ricordi, di memorie, ricchissimo di aneddoti. Da mezzo secolo in Sardegna, Sandro era stato ingaggiato dal Brill appena promosso in A nel 1969. Romano, classe 1940, aveva già uno straordinario passato alle spalle: a 18 anni l’esordio in A con la Stella Azzurra, nel 1965 il debutto in Nazionale con la quale ha preso parte all’Europeo di Mosca chiudendo al quarto posto (ma con il rimpianto di aver perduto di un solo punto la semifinale con la Jugoslavia). Grande realizzatore: proprio nel 1965 era giunto secondo nella classifica dei cecchini della A. Nel Brill ha giocato fino al 1974: con un suo canestro a Siena ha firmato la seconda promozione in A, costruita su un aneddoto fantastico: a 6” dalla fine palla a due fra Borghetti, pivot di Siena, e Rigucci, guardia del Brill, il quale si inventa una straordinaria “zingarata”, salta pestando il piede a Borghetti impedendogli così di saltare e appoggia la palla a Spinetti che brucia la retina segnando il suo ventiseiesimo punto. Sandro era stato decisivo anche nella storica vittoria contro l’Ignis. In Sardegna l’aveva seguito la moglie Franca Spila: il suo innesto in una squadra all’avanguardia come il Cus Cagliari di Robertino Usai aveva permesso alle universitarie di spiccare il volo ai confini del grande basket italiano. Sandro e Franca, la coppia d’oro della pallacanestro cagliaritana.