RESTIVO, PERÒ!

Antonello Restivo è nato a Cagliari nel 1975

C‘è un allenatore sardo, cagliaritano, che ha già alle spalle una invidiabile carriera nonostante abbia appena 43 anni, pochissimi per un coach. In sintesi, tralasciando qualcosina per strada: a 24 anni era vice di Phil Melillo a Roseto (promozione in A1 e ottavo posto in A, quindi una semifinale playoff contro Siena di Carlo Recalcati e una finale di Coppa Italia contro la Benetton Treviso di Ettore Messina), poi – sempre al fianco di Melillo – l’esperienza di Pesaro comprensiva di un quarto di finale di Eurolega, traguardo che gli ha consentito di guardare all’Europa lavorando con il Partizan di Belgrado e perfino come collaboratore del mitico Zeliko Obradovic nello staff della Serbia. Non sono mancate qualificate esperienze in Sardegna: Russo, Porto Torres, Olimpia, Cus Cagliari (inteso sia come squadra femminile a cavallo tra A1 e A2 che come team partecipante ai campionati universitari dove ha conquistato due medaglie di bronzo, una maschile e una femminile). Il curriculum di Antonello Restivo è tra i più belli del basket sardo. Anzi, più che bello, è proprio unico: complimenti.