UNA WOODSTOCK DEI CANESTRI

Alberto Onorato, il secondo da sinistra tra Bruno Perra e Roberto Spada

L’idea, bellissima, è di Alberto Onorato: un raduno, una piccola Woodstock dei canestri, aperta a tutti quei cestisti cagliaritani che vogliono partecipare. Non c’è biglietto da pagare: si sceglie un posto accogliente e ospitale e ci si ritrova lì: chi ha piacere viene,  qualcosa da bere la troverà. La data potrebbe essere l’ultimo week-end di settembre quando le vacanze sono già finite e i campionati non ancora iniziati. La gente coinvolta è più o meno quella di chi oggi ne ha più di quaranta e meno di ottanta. Ci sarà anche – dice Alberto – chi non c’è più: è soprattutto nel loro ricordo che una intera generazione vuol brindare a se stessa senza autocelebrarsi troppo. Perché noi “baskett-ieri” l’abbiamo vissuta ma, soprattutto, l’abbiamo condivisa. Siamo anche stati avversari ma, in fondo, siamo stati tutti compagni di squadra. Della stessa squadra. Unica e irripietibile.