SERIGRAF, SERIAMENTE GRAFFIANTE

L'Interbasket Serigraf Cagliari con il coach Sandro Spinetti

Nei favolosi Anni 80 un posto in vetrina lo merita la Serigraf di Gigi Bergamini (del quale quest’anno ricorre il decennale della morte): perché era unica, inimitabile, irripetibile. Competitiva, ben strutturata e ben allenata. Non ha vinto campionati ma era una calamita: quando giocava andavi a vederla. Le sue partite non erano mai banali.