I PARQUET D’UNA VOLTA

Ma com’è stato possibile che a Cagliari nascessero così tanti buoni giocatori in una città dove i “parquet” erano campi, rigorosamente open, in scivolosissimo cemento o in rugorosissimo asfalto?