REGGIO EMILIA

La più bella di tutti i playoff scudetto del 2015 resta quella del giornalista sassarese (R.S.) che al PalaSerradimigni prima di “garasei” con Milano con la Dinamo avanti 3-2, dunque pronta a giocare il match point davanti al proprio pubblico, dice: “L’ideale sarebbe perdere oggi e vincere poi la bella al Forum”.

(continua…)

Non male neanche quella frase che Meo Sacchetti aveva pronunciato guardando i suoi giocatori durante l’ultimo allenamento al PalaBigi prima di garasette della finale scudetto, e che avrebbe poi riportato anche nella sua biografia, parlando confidenzialmente con gli inviati sardi a Reggio Emilia: “Ho detto a mia moglia Olimpia che se dopo Supercoppa e Coppa Italia riuscirò a vincere anche lo scudetto passerò il resto dei miei giorni a chiedermi come avrò fatto a ottenere il triplete con una banda di svitati come questa”.

(continua…)

C’erano quaranta gradi nel forno del PalaBigi ma un inviato sardo (A.S.) aveva, sotto la t-shirt, una vecchia maglia della Dinamo, di quelle di una volta, non proprio leggerissime.

(continua…)

Ai giornalisti accreditati in tribuna stampa venne chiesto di scegliere l’mvp a -5’27” dalla fine del match quando Sassari era sotto di otto sul 67-59. Fu fatto il nome di Rakim Sanders ma, un attimo dopo, Jerome Dyson decise di prendersi lo scudetto segnando gli ultimi otto punti della Dinamo. Il tentativo di cambiare nome non andò a buon fine.

(continua..).

La foto qui sopra è stata scattata all’alba: forse perché un po’ alticci un gruppetto di inviati sardi al seguito della Dinamo chiesero a un passante di scattarla ignari del fatto che fosse un tifoso della Reggiana. La macchina della fotografa sassarese G.C. ha rischiato grosso.

(continua…)