BSS, POTERE GIALLONERO

Il San Salvatore Selargius della serie A2 del 2017/18

La prima volta è datata 1994, tanti anni dopo – nel 2012 – ci torna per la seconda volta dopo un digiuno di diciotto anni. Nella prossima stagione il San Salvatore di Selargius disputerà la sua settima A2 consecutiva: non ha vinto moltissimo (60 vittorie nelle 156 partite di regular season) ma la squadra affidata all’ottimo coach Fabrizio Staico ha sempre difeso la categoria con successo perché mai ha sbagliato le partite che non doveva sbagliare. Ma non è soltanto questo il risultato che inorgoglisce la società, c’è forse qualcosa di perfino meglio: il San Salvatore del presidente Mura e del suo vice Mattana, e dello storico dirigente Gabriele Cinus, è uno dei pochi club che riesce a gestire con grandi numeri, in un piccolo centro, sia l’attività maschile che femminile, presente da protagonista in tutti i tornei giovanili. Con quel marchio (BSS) e quel colore (giallo-nero) ormai nella storia del basket sardo. Che, dal 1976, ha reso più ricco e più bello.