ZARMU

Gli occhi e il sorriso di Alessandro Scanu, Zarmu per tutti

Lo avevamo ribattezzato così perché lui, che giocava discretamente a basket, era identico a un campione dell’epoca: Alzhan Zharmukhamedov, nativo del Kazakistan ma quando c’era ancora l’Unione Sovietica con la quale ha vinto il contestatissimo oro olimpico di Monaco 1972. Zarmu ci ha lasciato esattamente otto anni fa. Non viene ricordato per la pallacanestro, Alessandro Scanu, ma per il suo spirito libero, la sua generosità. Una vita (che si è interrotta a 44 anni nel 2011) scandita da una sola parola: solidarietà. Ovunque tu sia, Zarmu, siamo certi che stai ancora facendo del bene. Ma sappi anche che noi del basket non ti abbiamo dimenticato.