OGNI TRENT’ANNI

L‘ultima volta tra Cagliari e Sassari risale al 25 febbraio del 2001, in Serie B1, dove non si affrontavano dal campionato 1987/88 quando l’Esperia era retrocessa in Serie B2 nello spareggio di Caserta contro Trapani: ma non c’è storia, in Piazzale Segni, tra le due formazioni perché una (Sassari) punta decisamente alla promozione e l’altra (Cagliari) alla salvezza . Finisce 87-76. Il quintetto allenato da Massimo Bernardi aveva vinto anche all’andata, ma non basterà alla squadra del presidente Dino Milia per vincere il campionato, bruciata nei playoff al termine di una regular season trionfale. Male anche Cagliari (di Andrea Carosi che aveva sostituito Topone Pasini): a fine anno retrocederà mestamente in serie B2 perdendo male, molto male, l’ultimo atto dei playout sul parquet di Imola contro l’Argenta per 95-66. Ricapitolando, a caccia di una morale: come può esserci rivalità tra due squadre, due piazze, due città, che negli ultimi trent’anni si sono affrontate una volta sola?