QUELL’INCREDIBILE ESPERIA-CANTU’

Pietro Greco, ex pivot dell'Esperia, ai giorni nostri

Si è persa la memoria di una storica partita – contro la Forst Cantù – che si era disputata a Cagliari il 20 maggio del 1972. Ma il Brill, che aveva già assaggiato la Serie A, stavolta non c’entra nulla. Quel match lo aveva giocato infatti l’Esperia, allora militante in Serie C (quando c’erano però A, B e C senza le alchimie dei giorni nostri). Granata protagonisti di una pazzesca botta di culo: dopo aver vinto infatti la fase regionale, l’Esperia era stata sorteggiata proprio contro la fortissima squadra canturina che nel 1972 aveva già vinto uno scudetto e schierava giocatori come Recalcati, Marzorati, Della Fiori, Lienhard, Farina e Vendemini. Quel sedicesimo di finale si era giocato in gara unica al Palazzetto (impensabile infatti giocare a Monte Mixi). Era finita, puntualmente, 120-42. Ma che giornata per quei dieci granata. Eccoli: Carucci 13, Vascellari 9, Greco 6, Mascia e Cavallini 5, Giorgetti e Zoccheddu 2, Follese, Bocchetta e Boaretto.